Le rotatorie come strumento per la sicurezza stradale

Le rotatorie come strumento per la sicurezza stradale Sicurezza stradale infrastrutture

Rotatoria stradale

Riporto un interessante articolo dell’ASAPS sulla funzione delle rotatorie in termini di miglioramento della sicurezza stradale e fluidificazione del traffico veicolare.

***

Le rotonde stradali sono state “scoperte” tardi in Italia, ma dopo è stata una rivelazione, tanto che ormai fanno parte integrante del panorama stradale del nostro Paese. secondo alcuni critici anche troppo integrante.

Appena nate le rotatorie hanno suscitato curiosità e difficoltà di interpretazione come per tutti i neonati. La prima domanda è stata: ma quali sono le norme che regolamentano la circolazione all’interno? Diciamo allora che il codice non prevede specifiche indicazioni per le rotonde stradali, forse perché sono esplose dopo. Quindi all’interno delle rotonde si applicano le regole della normale circolazione.

Solo per rispolverare i principi della precedenza vogliamo ricordare che:

  • Nelle rotonde alla “francese” (sistema adottato in Italia) ha diritto di precedenza chi circola all’interno. Per chi è all’interno della rotatoria è indispensabile segnalare ogni manovra.
  • Chi entra nella rotatoria alla “francese” deve dare la precedenza ai veicoli che vi circolano. In fase di entrata nella rotatoria non è indispensabile segnalare la manovra ai veicoli che seguono.

Eventuali diverse modalità di circolazione sono segnalate attraverso l’apposizione di cartelli stradali o di strisce longitudinali. In particolare, nelle rotatorie a due corsie di scorrimento è buona norma impegnare la corsia esterna (cioé la parte più estrema e più ampia) nel caso in cui si debba subito svoltare a destra; viceversa è opportuno impegnare la corsia più interna (cioè quella a circonferenza più stretta) nel caso in cui si debba percorrere larga parte della rotatoria o si debba effettuare una inversione rispetto al senso di marcia in entrata, percorrendola tutta.

Alla domanda se le rotatorie siano veramente più sicure rispetto agli incroci con semaforo la risposta è: sicuramente sì.

Intanto va precisato che in un incrocio a 4 rami i punti di conflitto fra i veicoli sono 24. In una rotonda a 4 rami i punti di conflitto sono 8.

Sintetizziamo poi i vantaggi delle rotonde stradali:

  1. Riduzione della velocità di percorrenza del tratto dove è posizionata la rotonda.
  2. Diminuzione dei punti di collisione fra i veicoli, perciò riduzione dei sinistri stradali e soprattutto della loro gravità.
  3. In genere ottima fluidità del traffico grazie alla completa eliminazione dei tempi morti (ad un semaforo col rosso si sta fermi anche se dall’altra parte in quel momento non arriva nessuno).
  4. Diminuzione della rumorosità e dell’inquinamento rispetto agli incroci con semaforo.
  5. Possibilità per tutti i mezzi, compreso i pesanti, di invertire il senso di marcia.
  6. Migliore aspetto architettonico dell’inserzione stradale.

Ricordo infine che proprio nelle aree urbane si conta il 76,6% degli incidenti e il 44% delle vittime. Un buon motivo per abbassare la soglia del pericolo nelle città. Non esistono dati ancora precisi e generalizzati. Tuttavia in alcune realtà dove le rotonde sono state adottate da tempo come Cattolica, città “desemaforizzata” da tempo, gli incidenti all’incrocio sono praticamente spariti. Quando poi accadono, secondo le informazioni che ci forniscono le Polizie Locali, sono generalmente molto meno gravi che quelli che avvengono all’incrocio.

Negli ultimi tempi, specie di notte, alcuni giovani usano le rotonde come campo di ardimento per le loro prove di guida “sportiva”. Ma questa è un’altra storia.

Giordano Biserni (ASAPS)

Scarica l’opuscolo “Istruzioni per l’uso delle rotonde stradali”

1 comment for “Le rotatorie come strumento per la sicurezza stradale

  1. marco salerno
    24 maggio 2012 at 08:14

    personalmente ritengo pericolosissime le rotatorie
    (cioè quasi tutte) con 2 corsie interne: non capisco perché
    non sia presente 1 sola corsia.
    Il principio dell’accodamento veloce non funziona
    se si richiede subito dopo un’intersezione!
    saluti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*