27 maggio 2014

ISO 39001 e rischio stradale sul lavoro

Le grandi organizzazioni (Enti ed Aziende) aventi valori significativi in termini di siti, dipendenti, veicoli e percorrenze annue su strada, hanno la necessità di massimizzare efficienza e qualità nell’erogazione dei propri servizi, garantendo al contempo la sicurezza dei propri dipendenti.

Dalla “semplice” mobilità di tipo pendolare, al lavoro svolto quotidianamente su strada dagli operatori dei diversi servizi, fino alle necessità specifiche di mobilità di chi ricopre funzioni dirigenziali e di rappresentanza, è necessario, oltre che opportuno, assicurarsi che ogni persona si attenga scrupolosamente alle disposizioni aziendali e che sia inoltre in possesso di competenze per il lavoro su strada specifiche per il proprio incarico. Il tutto, gestito da chi riveste responsabilità di gestione della mobilità e – soprattutto – della sicurezza in ambto aziendale (dal Datore di Lavoro all’HSE Manager, dall’RSPP, al fleet manager, per finire con il mobility manager).

Dalle statistiche Inail emerge infatti che gli incidenti stradali costituiscono la prima causa di morte sul lavoro. Solo l’applicazione di un sistema di gestione professionale per la riduzione del rischio stradale può far diminuire il numero di incidenti e quello delle persone colpite (dipendenti, eventuali terzi trasportati e tutti gli altri utenti della strada).

Nel 2016 l’UNI ha inoltre recepito, tradotto in italiano e pubblicato la norma “ISO 39001 – Sistemi di gestione della sicurezza del traffico stradale (RTS) – Requisiti e guida all’utilizzo. La norma ISO 39001 definisce i requisiti che deve avere un sistema organizzativo mirato alla riduzione del numero di morti e del numero di feriti conseguenti agli incidenti stradali. Tale sistema può essere adottato da qualsiasi tipo di organizzazione: aziende private, gestori di reti stradali, Enti Pubblici, ecc. Le organizzazioni che dimostrano di avere un sistema di gestione conforme ai requisiti di tale standard possono ottenerne la certificazione da parte un ente accreditato, in analogia alle varie norme “di sistema” (ISO 9001, ISO 14001, BS OHSAS 18001, ecc.).

***

Mi occupo di implementazione di sistemi organizzativi per la riduzione del rischio stradale (che, a richiesta, possono essere anche certificati “ISO 39001”).

Con NIER Ingegneria assisto ogni grande organizzazione nella realizzazione di un vasto e capillare piano per l’aumento dell’efficienza gestionale attraverso la riduzione del rischio stradale, con un approccio integrato appositamente definito e calibrato sulle peculiarità aziendali.

Attraverso la metodologia in questione, si consente all’organizzazione di raggiungere un duplice obiettivo:

  1. effettuare una valutazione specifica del rischio stradale (ex-D.Lgs. 81/08), con le conseguenti misure di miglioramento (calibrate su esigenze e risorse dell’azienda),
  2. dare conformità ai requisiti definiti dallo standard ISO 39001, principale punto di riferimento, internazionalmente riconosciuto, per certificare l’impegno di una qualsiasi organizzazione a favore della sicurezza stradale.

Vi invito a contattarmi se:

  • fate parte di una realtà aziendale e avvertite criticità legate alle competenze alla guida dei dipendenti (in termini di formazione o addestramento), alla gestione dei veicoli aziendali (fleet management) o alla pianificazione degli spostamenti (sia del tipo casa-lavoro che per attività lavorativa), anche in assenza di incidenti occorsi;
  • fate parte di una amministrazione pubblica e volete affrontare il problema della riduzione del rischio stradale per la vostra città o per poli specifici (es. scuole, ecc.), con interventi di tipo gestionale/organizzativo o di formazione/educazione per tecnici o cittadini;
  • fate parte di una qualsiasi organizzazione che voglia avviare programmi formativi o educativi sul tema della sicurezza stradale o vogliate partecipare in prima persona ai corsi di formazione ISO 39001 e seminari che tengo sul tema.

***