Novità e migliori pratiche di infomobilità

Novità e migliori pratiche di infomobilità mobilità sostenibile infomobilità
Novità e migliori pratiche di infomobilità mobilità sostenibile infomobilità

navigatore satellitare

L’infomobilità consiste nell’applicazione delle tecnologie di informazione e comunicazione in progetti legati alla gestione del traffico di persone e merci. Ecco una panoramica tra le migliori pratiche del settore.

Il progetto GIM (gestione infomobilità)

Fornire informazioni in tempo reale sul traffico cittadino e sull’offerta dei mezzi pubblici, consigliando ai cittadini il percorso migliore per arrivare il prima possibile a destinazione. E’ questo l’obiettivo del progetto GIM (Gestione Informata Mobilità). Il progetto interessa due regioni come l’Emilia-Romagna e le Marche e grandi città come Milano, Roma, Venezia e Firenze. Si vuole puntare a un governo della ‘mobilità diffusa’ pubblico-privata e disporre così di un rilevamento del traffico a livello urbano ed extraurbano, mediante la gestione delle flotte di trasporto pubblico e il controllo dei flussi di mezzi pesanti, anche in caso di eventi critici (incidenti, meteo, cantieri, manifestazioni, emergenze). La diffusione delle informazioni ai cittadini avverrà mediante Travel Planner in tempo reale sul territorio (paline intelligenti e pannelli a messaggio variabile), l’elaborazione di standard per la bigliettazione elettronica e la creazione di una card unica per tutti i servizi di mobilità. I cittadini che devono muoversi all’interno dell’area metropolitana potranno essere informati di eventuali situazioni critiche del traffico anche attraverso SMS e un sito Internet dove si potranno visualizzare percorsi alternativi.

Per il trasporto pubblico i benefici potranno essere notevoli. Il progetto prevede l’istallazione di apparecchiature satellitari sulla flotta dei bus urbani ed extraurbani e sulle paline a terra. I vantaggi per i cittadini saranno evidenti nel momento in cui si potrà attivare il sistema ed avere in tempo reale informazioni sul trasporto pubblico: si potranno  localizzare i bus in esercizio in ogni momento e quindi controllare la regolarità del servizio e la sua efficacia. Per i passeggeri la disponibilità delle “paline intelligenti” a terra permetterà di conoscere in tempo reale i minuti mancanti all’arrivo della vettura e se ci sono problemi sulla linea.

In Toscana: il progetto Pegasus

Il progetto Pegasus, implementato dalla Provincia di Firenze, riguarda lo sviluppo di sistemi di infomobilità per la gestione in tempo reale dei dati sul traffico, che permetterà di integrare in un unico sistema tutti i dati provenienti dai veicoli, dalle infrastrutture e dalle loro interazioni. Obiettivo di PEGASUS (ProgEtto per la Gestione della mobilità Attraverso Sistemi infotelematici per l’ambito Urbano, per la Sicurezza di passeggeri, veicoli e merci) è, quindi, la realizzazione di una piattaforma infotelematica integrata che sia l’elemento abilitante di un approccio sistemico alla gestione sostenibile ed in sicurezza dei flussi di persone, veicoli e merci all’interno delle aree urbane. Si useranno, tra gli altri, veicoli pubblici e privati equipaggiati con rilevatori che sfruttano la rete mobile per fornire informazioni sulla circolazione urbana ad una centrale di controllo) Il valore aggiunto di tutto il progetto risiede nell’innovativa combinazione di diverse tecnologie. Sarà possibile fornire diversi servizi, come ad esempio il pagamento automatico degli accessi all’interno di zone a traffico limitato, l’ottimizzazione dei consumi tramite analisi del proprio stile di guida e l’instradamento intelligente del traffico nelle ore di punta.

Il progetto Luce Verde a Roma

A Roma è attivo il sistema Luce verde-Infomobilità Roma. Il progetto, promosso da Automobile club d’Italia in collaborazione con la Polizia municipale di Roma, prevede il coinvolgimento di 6.400 vigili urbani nella fornitura di informazioni e di 50 telecamere collocate nei punti nevralgici della rete stradale. Le informazioni raccolte vengono diffuse sul sito www.roma.luceverde.it, che aiuta chi deve muoversi a pianificare al meglio il proprio percorso. 20 tra radio e tv locali diffondono inoltre notiziari scadenziati durante tutte le ore del giorno.

Il Progetto “Muoversi” della Regione Campania

La Regione Campagna ha attivato il progetto “Muoversi”, avente lo scopo di informare i cittadini in tempo reale sulla situazione di viabilità dell’intera rete regionale, propagando i dati su differenti mezzi di informazione. La situazione sul traffico è rilevata con telecamere, sensori, segnalazioni della polizia stradale e urbana, e le informazioni acquisite vengono verificate con opportuni controlli incrociati. Il sistema ottimizza in automatico le informazioni, inviandole ai vari media nel formato più opportuno (radio, portali web, Tv locali e nazionali, operatori di telecomunicazioni, ecc.). Il centro di raccolta ed elaborazione delle informazioni è inoltre in grado di gestire in modo intelligente la priorità delle informazioni da pubblicare: ad ogni dato ricevuto viene associato un livello di urgenza e in questo modo le informazioni più importanti hanno l’assoluta precedenza rispetto a tutte le altre.

Obiettivo primario di “Muoversi” è fornire in tempo reale all’utenza tutte le informazioni riguardanti eventuali variazioni, disservizi e perturbazioni del sistema dei trasporti regionale. Le peculiarità del servizio riguardano l’integrazione e la intercanalità delle informazioni, ovvero la capacità di fornire informazioni su tutti i mezzi di trasporto in Campania e la capacità di distribuirle su tutti i media disponibili. In particolare, il monitoraggio quotidiano di “Muoversi” riguarda sia il trasporto pubblico che quello privato, nelle tre modalità:

  • Terrestre - Un sistema di sensori e telecamere, nei punti strategici della rete stradale urbana ed extraurbana regionale, consente di rilevare la condizione del flusso viario. Contestualmente i dati vengono integrati con le informazioni acquisite attraverso una intensa rete di contatti istituzionali (Polizia Stradale, Anas, Tangenziale, Autostrade, e Comandi di Polizia Municipale delle principali città campane) e con quelle relative al trasporto pubblico acquisite direttamente presso i gestori (compagnie di autobus, gestori della Metropolitana Regionale, Ferrovie dello Stato). Tutto ciò fornisce un quadro notevolmente dettagliato della condizione della mobilità su gomma e su ferro.
  • Marittimo – Le informazioni relative al trasporto via mare ed alle condizioni meteo, acquisite in virtù degli accordi con Capitanerie di porto e compagnie di navigazione, vengono elaborate e integrate con gli altri dati.
  • Aereo - La piattaforma tecnologica di “Muoversi” è direttamente collegata ai sistemi informativi della Gesac, società che gestisce i servizi di terra dell’Aeroporto Internazionale di Napoli.

Le applicazioni delle aziende di software

Le applicazioni sui terminali iPhone

iGRA Traffic permette di visualizzare sul proprio iPhone informazioni sulle condizioni di traffico del Grande Raccordo Anulare di Roma, espresse in termini velocità media, aggiornate ogni 3 minuti e disponibili 24 ore su 24 per 7 giorni alla settimana.

Hway Traffic ed Urban Traffic permettono invece di visualizzare informazioni sulle condizioni di traffico sulle tratte della rete autostradale italiana, sulle principali statali e sulle tangenziali di Torino, Milano, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Le informazioni arrivano attraverso un sistema di Floating Car Data.

Le applicazioni Google

Numerosi gestori di linee di trasporto pubblico con autobus hanno implementato Google Transit, servizio che utilizza la piattaforma PalmBUS e fornisce ai clienti informazioni sulle linee e sugli orari del trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano.

Non è ancora attivo in Italia, ma è un servizio molto interessante. Chi possiede un cellulare dotato di GPS ed attiverà Google Maps con My Location, consentirà al telefono di inviare informazioni anonime sulla velocità di crociera. Queste, combinate con tutti gli altri tempi di percorrenza provenienti da tutti gli altri cellulari sulla strada, potranno dare informazioni abbastanza dettagliate sulle condizioni del traffico cittadino. Il quadro così ottenuto verrà inviato quindi gratuitamente e apparirà su Google Maps. Una strada sarà verde se senza traffico, gialla se mediamente trafficata, rossa se pesantemente congestionata. Il servizio traffico, che in maniera simile già funzionava sulle autostrade, arriva dunque in città (almeno sulle strade principali). Basterà che sempre più persone accedano a Google Maps sul proprio telefonino prima di mettersi in viaggio per avere una visione sempre aggiornata sul traffico cittadino. Il servizio per il momento è disponibile solo per le strade degli Stati Uniti, del Regno Unito, della Francia e della Cina.

Novità e migliori pratiche di infomobilità mobilità sostenibile infomobilità

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*