Blog

Sicurezza delle infrastrutture stradali: criticità, innovazioni e strumenti normativi e gestionali.

Strade, autostrade, ponti e viadotti. Li percorriamo ogni giorno facendo attenzione ai rischi alla guida, ma può capitare che siano le stesse infrastrutture a costituire dei seri fattori di rischio. Nel panorama italiano abbiamo sia forti criticità che importanti innovazioni. Ma anche strumenti normativi e metodologici che andrebbero, forse, sfruttati meglio. Confronto tra il D.Lgs. 35/2011 e lo standard ISO 39001.
Bologna - Via Indipendenza

Bologna: una città dove la mobilità urbana funziona. Ecco perchè.

Ci vivo ormai da tanti anni, ma questa sensazione l’ho avuta fin da subito. Ed il tempo l’ha confermata pienamente. Bologna è una città davvero vivibile, e molto più di tante altre aventi grandezza e conformazione simili. E un tassello fondamentale della vivibilità della città è dato dalla buona gestione della mobilità e del traffico. Per chi non conosce la città, ma anche per chi la conosce (e magari la critica, anche a ragione, senza però avere idea di cosa succede altrove), racconto in breve perchè la mobilità, a Bologna, funziona bene.

I sistemi di gestione ISO 39001 per la riduzione del rischio stradale sul lavoro. Opportunità, strategie ed indicazioni operative.

La norma ISO 39001 definisce i requisiti che deve avere un sistema organizzativo mirato alla riduzione del numero di morti e del numero di feriti conseguenti agli incidenti stradali. Con una implementazione adeguata del sistema e con azioni serie e convinte, in un triennio è possibile arrivare ad una riduzione di incidenti, sinistri e costi ad essi associati in misura pari al 50% ed oltre.

Siamo tutti allenatori di calcio, ingegneri ed esperti di sicurezza dei trasporti.

Io non sono un allenatore di calcio, ma quando guardo una partita della nazionale mi comporto come se lo fossi. Ma, naturalmente, non ho alcun titolo per pensarlo davvero, e tutto alla fine si riduce a chiacchiere da bar. E' così anche per le infrastrutture: per poter sostenere che una qualsiasi opera possa risultare inutile o dannosa, occorre il supporto di chi ha la specifica competenza nel settore.

Distrazione in auto: dai selfie ai social, aumenta il rischio di incidente stradale. E il cellulare viene sequestrato come prova!

La distrazione pare essere la principale causa del fatto che il numero degli incidenti stradali non cali più già da qualche anno. In generale, il problema non è dato dalle app per smartphone, ma dalla superficialità che abbiamo quando siamo in strada (in auto o a piedi), che produce distrazione ed aumenta enormemente il rischio. 

Come fare una valutazione del “rischio stradale” sul lavoro.

Ogni Datore di Lavoro deve garantire che la sicurezza e la salute dei propri lavoratori, in ciascun luogo di lavoro, siano garantite per tutte le attività e mansioni da essi svolte. Poiché una causa rilevante di morte o di infortunio sul lavoro è data proprio dagli incidenti stradali, è opportuno che i datori di lavoro e gli RSPP rivolgano particolare attenzione alla questione degli spostamenti su strada dei propri dipendenti più esposti. Ecco come fare.